Archivio tag | cane

Il primo bagno della morettona

Oggi  per la nostra passeggiata abbiamo raggiunto il Parco della Giretta, un luogo molto bello che ci era stato suggerito dalla cugina di mio marito. Il parco è molto particolare, si snoda tra boschetti, praticelli e corsi d’acqua per circa 20 ettari, le chiuse regolano il flusso  del Canale Villoresi  che si disperde in diversi altri canali d’acqua “tranquilla” popolata da allegre ranocchie. La nostra cucciola si è dimostrata subito molto interessata all’ambiente, ha cominicato ad intingere timidamente una zampa in acqua, poi ha esplorato e si è scelta il luogo per immergersi fino alla groppa e camminare  felice beandosi di  quella inaspettata frescura.  Questo è stato il suo battesimo dell’acqua, al mare, due anni fa, non ne aveva voluto sapere nonostante il caldo torrido di quell’agosto. Penso che torneremo, il luogo va esplorato meglio e certo il bagno potrà essere più lungo.

parcogirettavediamo se qui si può buttarsi……..

Pensieri di pioggia

Questa domenica  piena d’acqua  mi è pesata, questa interminabile domenica battuta dal vento e dalla pioggia  sembra non avere più fine. La mia cucciolona è triste, si aggira per casa e ogni tanto mi porta la palla.. è incredula,  i suoi  occhioni sembrano chiedermi : “ma oggi non posso fare le solite corse?” poi si accuccia accanto a me e mi mette il muso in grembo, rassegnata.  Siamo usciti per una passeggiata breve, troppo breve per lei e per noi e poi  lo stato d’animo non è dei migliori. Ho addosso tanta malinconia, mi mancano le riunioni famigliari, il vociare dei miei figli,  il mio papà che arriva come un ciclone e mi propone sempre di fare qualche cosa… ma la porta rimane chiusa e tutta questa  pioggia non fa che aumentare la mia solitudine, mi fa sentire isolata dal mondo.

E pensare che io la amo la pioggia,  ho sempre pensato  che con il suo incessante cadere lavi tutte le brutture del mondo.. mi piacciono i temporali improvvisi, quando gli scrosci d’acqua  colgono di sopresa,  mi è capitato qualche volta di essere investita da un acquazzone e di morire dalle risate nella corsa affannosa per trovare riparo, ma oggi è diverso, oggi mi fa male il cuore e il silenzio che mi circonda è diventato assordante.

 

Pioggia

Pioggia

Giornate da vivere

Di solito si vede dal mattino se la giornata sarà buona o no e questa mattina ho capito che la mia non lo sarebbe stata. Due o tre cose andate storte appena messi i piedi giù dal letto  ed ecco che il persorso è subito in salita  e poi ti vengono in mente tante cose e  arrivano gli attacchi di malinconia e  i vuoti della tua vita e allora ti manca il respiro. Fuori fa un freddo cane e c’è una neve sporca e ghiacciata ma  io e mio marito dobbiamo uscire,  anche lui non è di buon umore, deve tenere al guinzaglio la cucciola che tira come  una dannata e che aumenta le possibilità di un bel volo sul ghiaccio. Speriamo entrambi che un bel cappuccio ci tiri su di morale: è caldo, con cacao e con un disegnino carino, ma non basta. Flora abbaia ad un palloncino a forma di cane, è ferocissima, non ha capito di che si tratta, il pelo sulla schiena diventa ritto e il suo ringhio impressionante,  ci alziamo e usciamo dal bar trascindandola e finalmente si calma, ma il nostro cappuccio ci è andato di traverso.  Sbrighiamo qualche commissione e ritorniamo nel nostro quartiere. Raggiungiamo il  parchetto dietro casa, li la neve è bianca e altissima, c’è un piccolo vialetto fatto dai padroni di cani con il loro passare e ripassare, ma è tutto gelato. Lasciamo la cucciola libera e lei ci salta davanti come un capretto, ci sbatte i denti, vuole la palla … e palla sia. Un pallido sole finalmente ci riscalda e i cristalli di neve sotto i nostri piedi sono bellissimi, Flora corre,  ci gira intorno come  una trottola e finalmente ci strappa un sorriso e poi una sana risata: pianta tutto il muso  nella neve alla ricerca della palla  e dimena  il sedere per aria come se avesse trovato una preda, è buffissima. Ora va meglio, ma apro il computer e trovo il mio gruppo su FB devastato da insulti pieni di odio,  devo decidere di censurare e mi dispiace, ripulisco tutto e penso che la gente è veramente cattiva… E io che avevo sperato che l’arrivo della Cometa di Lulin fosse di buon auspicio… ma forse la cometa non c’entra nulla, siamo noi piccoli umani a non comprendere come tutto il nostro affannarsi sia inutile. Non ci sono giornate giuste o sbagliate, ci sono giornate e basta, sforziamoci di viverle al meglio, ne vale sempre la pena.

Felice anno nuovo

Tra poche ore inizierà un nuovo anno e ognuno di noi spera che i prossimi 12 mesi siano sereni e ricolmi di affetto e di cose buone. Il mio pensiero va ai miei famigliari, alla mia Flora, agli amici più cari e alle persone che mi vogliono bene, è con loro che vorrei  fare questo altro tratto di strada,  sono loro che vorrei aver accanto  in questo 2009 che sta per iniziare. E’ inutile fare bilanci sull’anno trascorso, guardiamo avanti e pensiamo che  la felicità  è a portata di mano e spesso si chiama famiglia e amici.  A  mio marito, ai miei figli e alle loro famiglie, alla mia cagnona e a tutte le persone che mi sono care auguro uno spumeggiante 2009 e per farlo dedico loro questo concerto viennese!

Per ascoltare il "Il Danubio Blu" cliccate sul violino

Per ascoltare il "Il Danubio Blu" cliccate sul violino

Naturalmente dedico questo bellissimo concerto anche ai visitatori del mio blog, credo che anche loro abbiano imparato a conoscermi  e  mi siano affezionati.

Un ricordo struggente

Tre anni fa se ne andava per sempre la nostra Rhoda, una meravigliosa compagna di vita. Il suo ricordo è sempre con noi, non passa giorno che in un discorso o in un altro il suo nome non venga pronunciato e sempre con  una punta di rimpianto. Devo tanta gratitudine alla mia cagnolona per la sua  presenza rassicurante accanto al mio papà, per avergli strappato qualche risata per averci accompagnato in mille passeggiate… e le devo anche tanti momenti di pura felicità, ricordi indelebili di vacanze  in montagna nei boschi che  amava tanto,  sulle spiagge deserte in primavera dove faceva corse sfrenate e nel quotidiano essere accanto a noi con la sua innata gioia di vivere.  Sono stati nove anni indimenticabili pieni di lei. Era arrivata nella nostra famiglia a due mesi ed è stata sempre la nostra ombra fino a quella mattina del 17 dicembre 2005, quando abbiamo dovuto prendere la decisione più terribile di tutta la nostra vita,  quella di farla addormentare. Ricordo che era una spledida giornata di sole con un vento fortissimo e andando dal veterinario  ho pensato che quel vento ce l’avrebbe portata via….Di lei ci sono rimaste le ceneri e ogni tanto passando davanti al cofanetto che le contiene  ci scappa una carezza.

La mia ombra accanto a lei...

La mia ombra accanto a lei...

“Cara dolcissima Rhoda,  ti pensiamo felice accanto al nonno,  insieme avrete mille luoghi da esplorare,  entrambi veglierete su di noi e a Natale vi farete buona compagnia”.

Un bacio grande sul tuo musone!

La tua famiglia!

Riflessioni in una giornata uggiosa

Oggi è così a Milano. Una leggera pioggerellina cade sulla città  e tutto sembra più pulito. Non abbiamo rinunciato alla nostra passeggiata nel Parco, Floretta ne ha diritto e fa  un gran bene anche a me e mio marito. I viali bianchi disegnano percorsi diversi trai i prati e gli alberi, ma raggiungono tutti il piazzale retrostante il Castello Sforzesco. Di solito siamo attorniati da gente che traversa il Parco in bicicletta per raggiungere il centro città, da cani e padroni che passeggiano a gruppi, da studenti in libera uscita che giocano a pallacanestro e qualche volta anche de coppie cinesi appena sposate  che con l’abito da cerimonia si fanno scattare foto dagli amici, ma oggi i padroni indiscussi del Parco siamo stati noi. Abbiamo percorso i soliti viali, Floretta ne preferisce alcuni e si impunta se non imbocchiamo proprio quelli, siamo arrivati al Castello e poi abbiamo fatto il percorso a ritroso passando dal laghetto senza incontrare nessuno. Abbiamo attraversato prati coperti di foglie, ammirato i colori autunnali e  le aiuole che regalano ancora qualche fiore.  Le anatre  erano tutte in acqua come se volessero godersela  anche loro questa giornata silenziosa. Non avevo mai notato che l’anatra femmina, di colore marrone, ha sotto l’ala una striscia di piume di un blu intenso, è bella anche lei .. non come il maschio, ma è bella.

Per  un’ora siamo stati  in un paradiso di tranquillità con la sola compagnia della natura e con la possibilità di chiacchierare indisturbati, di ricordare che in un giorno come questo, tanti anni fa, eravamo agitatissimi perchè il giorno dopo ci saremmo sposati. Anche allora il Parco era  una delle nostre mete preferite, ci arrivavamo in autobus dal lavoro e lo attraversavamo per prenderci un po’ di tempo per noi. La stessa cosa l’abbiamo fatta anche oggi ed è stato bellissimo poter godere della reciproca compagnia e poterci dire che non avremmo voluto cambiare nulla di quello che avevamo vissuto insieme. Flora  ha capito che eravamo immersi nei nostri ricordi ed è stata proprio brava e la pioggerellina ha perfino smesso di cadere…

passeggiando al Parco Sempione

passeggiando al Parco Sempione

Festa di compleanno

Domani la nostra morettona compie tre anni e avrà la sua festicciola. Prepareremo un dolcetto adatto anche a lei e sono sicurissima che ne sarà entusiasta. In questi ultimi tempi  è maturata ed è diventata veramente affettuosissima.  Le lunghe passeggiate nel parco e l’incontro con molti suoi simili hanno migliorato il suo caratterino e tranne alcuni momenti in cui sclera senza un perchè e ci assale mettendoci in serio pericolo :-)))), la nostra convivenza è molto migliorata. Sembra proprio che gli Schnauzer Giganti maturino ai tre anni e quindi lei è nella regola.

guai a chi mi tocca la palla...

guai a chi mi tocca la palla...

Eccola qui, più morettona che mai con la sua immancabile pallina. Tutta la famiglia  le augura un felice compleanno e si prepara a festeggiare con lei.

Un bacio piccola.