Archivio tag | amicizia

Diario e blog

Il Diario è lo strumento un po’ romantico che mi ha accompagnato in alcuni momenti della mia vita. Forse è ancora di moda o forse no, ora  è stato sostituito dal Blog,  è lo scotto che si paga al progresso tecnologico, anche se riusciamo ad esprimere le nostre emozioni e a segnare delle date importanti della nostra esistenza con dei pensieri o con il racconto vero e proprio di quanto ci è accaduto anche con il computer.  Certo rinuciamo a scrivere con la penna su quel bel libricino che si chiudeva con l’elastico e al quale era stata dedicata anche la bellissima canzone “The Diary” (chi se la ricorda?) ma  riusciamo a personalizzare il nostro blog con le immagini che più ci piacciono e siamo soddisfatte ugualmente.

Il primo diario che ricordo di aver tenuto risale alle scuole medie. Alla fine dell’anno scolastico tutte le compagne di classe lasciavano un pensiero, un piccolo ricordo del tempo trascorso insieme, si faceva a gara a chi faceva il disegno più bello, avevamo tutte un gran da fare a scambiarci i diari, fino a che il giro era completo.

Tenni poi il diario dei miei figli: la foto da piccolissimi, il battesimo, il primo sorriso, il primo dentino, il peso, l’altezza e così via fino al loro primo anno di vita o forse il secondo. Diari gioiosi, ogni pagina era un loro progresso e una mia piccola soddisfazione, i bimbi crescevano bene e io condividevo con loro tutto quanto, un periodo meraviglioso.

Negli anni a seguire  abbinai la parola Diario alla scuola, alla verifica dei compiti e delle lezioni che i bambini avevano da preparare, alle note da firmare, agli avvisi degli insegnanti.. ricordo che il mio figlio maschio, che con la scuola non aveva un gran feeling, era solito scrivere lui le note per la maestra, con le conseguenze che potete immaginare. Era vita vissuta anche quella e il diario ne prendeva costantemente nota.

Gli anni passarono e il mio diario  venne messo nel dimenticatoio. A volte non si ha il tempo e nemmeno la voglia di riflettere su quanto accade,  ci si limita vivere senza porsi troppe domande .. forse le risposte non ci piacerebbero.

Un brutto giorno del 2003 poi scoprii che mio padre era malato, una malattia devastante come l’Alzheimer lo aveva preso di mira, era agli inizi e io, spaventatissima e disorientata sentii il bisogno di sfogarmi con qualcuno e quella sera aprii un blog, questo blog. Iniziai a raccontare, ero un fiume in piena… ogni giorno le mie emozioni, le mie sensazioni accompagnavano i danni che il signor Alzheimer procurava al mio papà, ma anche alle nostre vite. Per quattro anni annotai, commentai, inondai la tastiera di lacrime, soffrii con le amiche che nel frattempo avevo conosciuto, condivisi tutto e scoprii quale meraviglioso strumento fosse il blog. Il mio diario era li, era un po’ meno discreto di quello che avevo cominciato a scrivere alle medie, ma era una pagina di vita viva e pulsante in continuo aggiornamento e forse faceva del bene anche ad altre persone. Mio padre se ne andò, ma io continuai a scrivere… lo sto facendo anche ora e condivido con voi la mia riflessione. So che molte amiche hanno seguito il mio esempio e così capita spesso che per sapere come vanno le cose andiamo a leggere i rispettivi blog e ci aiutiamo con una parola, con  una frase e quando siamo più fortunate riusciamo anche a vederci in faccia creando una bella amicizia reale, che va oltre il diario, oltre il blog e arricchisce la nostra vita.

vecchio diario

Annunci

San Valentino

un augurio ai vecchi e nuovi amici

Tra qualche giorno sarà San Valentino. Credo che negli anni questa festa abbia allargato il suo significato, non è più solo una ricorrenza per gli innamorati, ora la celebrano anche i vecchi e nuovi amici.

E’ bello che sia così perchè l’amore ha molteplici forme e riguarda tutte  le persone che si vogliono bene.

Con questa deliziosa cartolina abbraccio simbolicamente tutte le persone che mi sono vicine e che mi dimostrano costantemente il loro affetto, ricambio di cuore e dico a tutti BUON SAN VALENTINO!

…. dimenticavo, per attivare la cartolina cliccate sull’etichetta!

Gli amici ti colorano la vita

Mi capita spesso di riflettere sulla parola “amicizia” e mi ritrovo sempre a rallegrarmi per i pochi ma fidatissimi amici che ho, persone che conosco da molti anni ma anche conosciutE di recente con le quali sia io che mio marito siamo entrati subito in sintonia. Le amicizie vere, quelle che sanno consolare ma anche essere voce positivamente critica, sono preziose, ti scaldano il cuore e ti rendono meno arduo il cammino. A volte basta una telefonata, anche dopo molto tempo che non ci sentiva e, come per incanto  sembra che il tempo non sia mai trascorso. Altre volte invece sono le telefonate quotidiane che danno il senso alla giornata, una condivisione senza limiti di gioie e dolori, un raccontarsi fitto fitto di quello che ci è accaduto, sicuri che da entrambe le parti c’è solo tanta sincerità. E poi ci sono le amicizie nate in rete, col tempo si sono trasformate… una telefonata, una visita, la scoperta di tante affinità e il desiderio di consolidare i rapporti.  Tengo alle mie amicizie, so che non mi tradiranno, sono grandi regali che la vita mi ha fatto,  la loro presenza rende più lieve qualsiasi pena e più grande qualsiasi gioia.

n1143519886_207895_5186gli amici ti colorano la vita!

Lo stesso treno

L’universo è troppo perfetto perchè non abbia un Padre creatore, ogni cosa ha un sua collocazione precisa, flora e fauna assolvono funzioni preordinate in perfetta sintonia e in questa meravigliosa sincronia ci siamo noi, piccoli uomini, spesso in cerca d’autore.

La nostra presenza nel mondo non è casuale,  percorriamo la nostra strada con alcune persone e non con altre, condividiamo con loro parte della nostra vita, a volte i nostri destini sono anche simili.

Il mese successivo alla morte del mio papà e dopo diversi anni di silenzio, ha suonato al mio citofono una mia cara amica, ci siamo ritrovate a piangere insieme, lei aveva appena saputo e aveva sentito fortissimo l’impulso di vedermi.

La nostra amicizia è ripresa come se gli anni trascorsi non fossero mai esistiti, lei ha una figlia dell’età dei miei, ora ha anche  due nipotini e si è recentemente separata dal marito. L’ ho conosciuta quando avevo 15 anni, faceva da mamma al fratello più piccolo e vivevano entrambi con il padre, subentrarono nel nostro appartamento quando noi ci trasferimmo in una nuova casa.

Il mio papà, intuendo la sua grande solitudine, le diceva spesso di venire a pranzo da noi e così, avendo anche la stessa età,  abbiamo vissuto insieme l’adolescenza e poi  il matrimonio, la gravidanza, le prime pappe dei figli.

Ora ci ritroviamo con qualche ruga sul volto e con tanto dolore dentro, anche lei come me ha vissuto privazioni affettive nell’infanzia e come me non riesce a dimenticare. Due vite sullo stesso treno, con qualche fermata non prevista, ma con la voglia di continuare il viaggio insieme per darsi una mano.

Il suo ritorno nella mia vita lo devo al mio papà, ora come allora l’ha invitata a passare del tempo com me, credo abbia pensato che ci saremmo potute aiutare a vicenda e così questo ritorno per me è carico di significato e lo è anche per lei.

Una stretta di mano e via…

Ho cambiato il sottotitolo del blog … mi è sempre piaciuta la nuova frase che ho messo, rende tutta la precarietà di questa nostra piccola vita ma  anche la bellezza di un incontro sincero tra viaggiatori di un unico treno.

Che cosa c’è di più sincero di una stretta di mano vigorosa quando incontri un amico? E’ bello pensare che nel nostro viaggiare in questo mondo, sia il viaggio lungo o breve, si possano incontrare tante persone con le quali essere in sintonia e per un attimo riuscire a  donarsi tutto l’affetto di cui siamo capaci.

A tutti gli amici  che leggono questo blog, stringo la mano con tanta sincerità.

Le persone che vengono nella tua vita ….

Barbara, una mia cara amica, mi ha fatto conoscere questa bellissima nota. Io mi ci sono ritrovata, ho pensato a chi è entrato nella mia vita portandomi gioia e a chi ha voluto uscirne facendomi del male.. credo che leggerla serva a tutti.

Le persone vengono nella tua vita per una ragione, per una stagione o
tutta la vita. Quando saprai perche’, saprai cosa fare con quella persona.
Quando qualcuno e’ nella tua vita per una RAGIONE, di solito e’ per soddisfare un bisogno che hai espresso. Sono venuti per assisterti attraverso una difficolta’, per darti consigli e supporto, per aiutarti fisicamente, emotivamente o spiritualmente. Possono sembrare come un dono del cielo e lo sono. Loro sono il motivo per cui tu hai bisogno che ci siano. Quindi, senza nessuno sbaglio da parte tua o in un momento meno opportuno, questa persona dira’ o fara’ qualcosa per portare la relazione a una fine. Qualche volta loro muoiono. Qualche volta se ne vanno. Qualche volta si comportano male e ti costringono a prendere una decisione. Cio’ che dobbiamo capire e’ che il nostro bisogno e’ stato soddisfatto,il nostro desiderio realizzato,il loro lavoro e’ finito. La tua preghiera ha avuto una risposta e ora e’ il momento di andare avanti.

Alcune persone vengono nella nostra vita per una STAGIONE, perche’ e’ arrivato il tuo momento di condividere, crescere e imparare, loro ti portano un’esperienza di pace o ti fanno ridere. Possono insegnarti qualcosa che non hai mai fatto. Di solito ti danno un’ incredibile quantita’ di gioia. Credici, e’ vero. Ma solo per una stagione.!

Le relazioni che durano TUTTA LA VITA ti insegnano lezioni che durano TUTTA LA VITA, cose che devi costruire al fine di avere delle solide fondamenta emotive. Il tuo lavoro e’ accettare la lezione, amare la persona e usare cio’ che hai imparato in tutte le altre relazioni e aree della tua vita. Si dice che l’amore e’ cieco ma l’amicizia e’ chiaroveggente.

Scene da un matrimonio

Sarà  perchè il nostro anniversario di nozze si avvicina, sarà perchè ogni tanto guardandoci un po’ più da vicino ci troviamo qualche capello bianco in più, ma oggi mio marito ed io ci siamo fatti una bella e serena chiacchierata sulla nostra vita insieme. Abbiamo ricordato le gioie, i dolori, le rinuncie e anche il lavoro che abbiamo fatto e che continuiamo a fare per portare avanti al meglio la nostra famiglia e ci siamo detti che va tutto bene, che è bello continuare insieme il cammino iniziato tanti anni fa. Non so se potremo un giorno goderci un po’ di riposo in qualche bel posto o fare un viaggio da qualche parte, vedremo… la vita non finisce mai di stupire. Abbiamo i nostri sogni che ci spronano e i nostri ricordi che ci fanno compagnia: vorremmo vedere i figli sistemati, vorremmo tanti nipotini a cui raccontare storie passate, vorremmo….  ma non mettiamo freni alla provvidenza, quello che dobbiamo fare noi è andare avanti tenendoci per mano, forti dell’amore di un tempo che oggi si è arricchito di tanta tenerezza e di tante attenzioni, che è diventato davvero più calmo e sicuro e poi avere fiducia nel futuro che verrà senza nessuna paura. Le cose andranno bene.