Archivi

Ciao papà…e tanti auguri

 

il mio angelo

il mio angelo

Dopo 7 anni è come se fossi ancora qui con me… con noi, ogni volta che la malinconia mi assale in qualche modo ti fai presente, ho imparato a stare attenta ai segni e ho scoperto che puoi leggermi nel pensiero e che trovi il modo per darmi risposte che nessun altro mi sa dare.

Ti voglio bene papà, mi manchi tantissimo e vorrei avere la possibilità, anche per un solo attimo, di abbracciarti, lo faccio con il cuore.

Ciao papà!

Annunci

Quando guardarsi indietro fa male…

Ci sono volte che per un qualsiasi motivo sei costretta a guardarti indietro, può essere una foto che ti capita tra le mani, una canzone o un profumo particolare.. in quel momento le forze ti abbandonano e ti pare che tutti i dolori che hai patito siano  insopportabili, ti pare di non avere più la forza di riprendere il cammino. Quante persone a cui volevo un mondo di bene se ne sono andate! Ognuna di loro si è presa un pezzetto di cuore, un pezzetto di vita ,perchè della mia vita ha fatto parte, l’ha resa felice, piena di affetti, una esistenza che è valso la pena vivere.  Sarò stata anch’io importante per loro, avrò regalato anch’io a queste persone dei momenti felici? Spero proprio di si. Una cosa so con certezza,  ogni mio gesto era sincero, ogni mio abbraccio era vero . Quanta voglia avrei di passare anche solo un momento con loro… Se mi fosse data la possibilità di tornare indietro solo per un attimo sarei felice, li  unirei tutti in un solo abbraccio.

Dimenticavo i miei cari animali, e se ci penso sono stati tanti, tutti cari al mio cuore e  in un giorno così ci sono anche loro da ricordare e me li rivedo tutti accanto al mio papà,  lui era l’animalista della famiglia.

La casa di famiglia

Mi sarebbe sempre piaciuto avere una di quelle grandi case di campagna che ci si tramanda di padre in figlio, una casa dove tutti avrebbero potuto ritornare per ricaricarsi e dove avrebbero trovato affetto e certezze. Nella mia famiglia una simile casa non è mai esistita  e a volte ne sento la mancanza. Nel luogo dove trascorro le mie vacanze di queste grandi case, per la verità grandi ville, ce ne sono molte… i giardini curati, gli alberi secolari, i vialetti puliti, belle, bellissime esempi di stile liberty… ma tristemente vuote, abitate solamente dal guardiano.

Forse ai figli di queste persone la grande casa non interessa, forse queste famiglie non accarezzano il piacere di stare insieme o forse semplicemente la vita è questa, la vita di questo nostro secolo è questa. La famiglia oggi non è più un  valore  e se è così allora non c’è casa che tenga, la villa di famiglia meglio venderla o magari trasformarla in un residence per vacanze mordi e fuggi.

Tutto ciò è triste ma mi fa anche capire che i miei figli non avranno una grande casa dove andare ma hanno il cuore dei loro genitori sempre pronto ad accoglierli, ovunque !

Le memorie del cuore

Oggi ho iniziato a sistemare lo studio dove lavoro.  Ci tengo al mio studio,  è come la mia coperta di Linus. Nei giorni convulsi e dolorosi che ho passato negli ultimi anni spesso mi sono rintanata in questo mio piccolo locale, ho trovato conforto  tappezzando le pareti con le foto di chi avevo  perduto  per averli  vicini, tanto vicini da poterci parlare.  E’  nel mio studio che ho portato le ceneri del mio papà, ci sono rimaste per quasi  quattro mesi e quando mi sono state tolte hanno lasciato un vuoto indescrivibile. Oggi ho trovato la forza di mettere ordine nel mio doloroso caos,  ho  raggruppato  e incorniciato le foto che erano ancora sistemate alla rinfusa e così facendo ho dato un po’ di ordine anche ai miei pensieri. Mio padre mi guarda sempre, mi è vicino come prima, ma ora è protetto da  un vetro.. ed è come se io avessi voluto proteggere il suo ricordo per conservarlo intatto. Spesso con lui c’è la mia prima cagnona, entrambi mi guardano sereni. Forse anche loro sono contenti di guardarmi da vicino… se alzo gli occhi li vedo e so che nessuno me li porterà mai via.

Ricordando il mio papà

Se ne è andato tre anni or sono il mio papà e oggi ricordandolo ho scoperto che non è vero che il tempo aiuta a lenire il dolore, il mio dolore c’è tutto, il mio bisogno di vederlo e di abbracciarlo e di sentire la sua voce è vivissimo. Oggi ho solo la consapevolezza che che in questi tre anni mille volte lui mi si è fatto vicino, mi ha in qualche modo indirizzato nelle scelte e ha asciugato le mie lacrime. Ha continuato a fare quello che aveva fatto per tutta la vita, mi ha preso per mano e lo ha fatto delicatamente come il battito d’ali di una farfalla….

Lo ringrazio per questo e gli mando un bacio grande…. mi manca fisicamente, ma so che lui c’è e ci sarà sempre per me.

Ciao papà, alla prossima!

Un piccola speranza

Ieri è accaduto un fatto inaspettato: una persona con la quale avevo interrotto i rapporti da molto tempo ha cercato un chiarimento con me, o diciamo meglio.. il chiarimento lo abbiamo cercato in due, visto che ero stata io ad andarla a trovare, sapendola in cattive condizioni di salute. Alla fine della chiacchierata, la persona, molto anziana e con gravi difficoltà motorie, si è sforzata di alzarsi dalla sedia a rotelle per abbracciarmi, mi ha stretto forte e mi ha chiesto scusa per avermi fatto soffrire, io ho fatto altrettanto con lei….. forse il grande dolore che ha travolto entrambe ha provocato anche in me reazione che non avrei voluto avere. Sono contenta di aver messo una pietra sopra a tutto, anche se non potrò dimenticare, ma ho perdonato e forse le ho regalato un po’ di serenità.
Credo nella sua sincerità, voglio crederci, devo crederci.  Forse per noi c’è un’esile speranza, forse non tutto è perduto.
Da molto tempo avevo una ossessione: quella di perdere questa persona, che come ho detto, è molto anziana, senza darle un abbraccio. Ora l’ho fatto, l’abbiamo fatto insieme e questo gesto io non lo dimenticherò.

Continua a leggere

San Valentino

un augurio ai vecchi e nuovi amici

Tra qualche giorno sarà San Valentino. Credo che negli anni questa festa abbia allargato il suo significato, non è più solo una ricorrenza per gli innamorati, ora la celebrano anche i vecchi e nuovi amici.

E’ bello che sia così perchè l’amore ha molteplici forme e riguarda tutte  le persone che si vogliono bene.

Con questa deliziosa cartolina abbraccio simbolicamente tutte le persone che mi sono vicine e che mi dimostrano costantemente il loro affetto, ricambio di cuore e dico a tutti BUON SAN VALENTINO!

…. dimenticavo, per attivare la cartolina cliccate sull’etichetta!